lunedì 6 aprile 2009

Solidarietà alla città de L'Aquila.

Il post di oggi è scritto "a caldo" dopo la nottata di TERREMOTO di 8°/9° grado della scala Mercalli (Magnitudo 5,8), il cui epicentro è stato nei pressi de L'Aquila, capoluogo di regione. A Pescara si è sentito verso le 4.40 circa ed è stato seguito da una scossa dopo circa un'ora esatta. Ma a Pescara ci si è limitati a sentire oscillazioni di letti e finestre, mentra a L'aquila ci sono stati i danni più gravi. Ad ora si contano una cinquantina di vittime, molti i feriti e gli edifici crollati.


La macchina della solidarietà si sta muovendo in tutta la regione, dato che l'ospedale della città non è più in grado di ospitare nessuno. Chi è della zona può donare il sangue presso i centri dell' AVIS e le strutture annesse.


 Il Governo ha dichiarato lo stato d'emergenza... Quello che mi sconvolge e che sconvolge un po' tutti nella regione è il fatto che il fisico Gioacchino Giuliani l'aveva previsto, ma era stato tacciato di "allarmismo" e poi denunciato. E' vero che i terremoti sono imprevedibili, ma è anche vero che uno studioso che da anni fa ricerche nel campo, dovrebbe saperne di più di due politici da quattro soldi che vogliono metterci in testa non solo che la crisi non esiste, ma che nemmeno gli eventi "sismici" sono prevedibili o, per lo meno, annunciabili! MAH!

6 commenti:

  1. utente anonimo6 aprile 2009 06:37

    teso...mamma che frisellata!io l'ho sentita tale e quale da termoli...figurati all'aquila!ma porca miseria!!!ci mancava solo il terremoto...
    giorgia

    RispondiElimina
  2. Commento con un estratto dal mio post di oggi.
    In questo momento non è utile sapere chi avrebbe avuto la possibilità di prevedere il terremoto odierno.
    È utile invece sapere se le scosse che seguiranno saranno trascurabili assestamenti o potranno avere una intensità tale da provocare crolli di strutture già danneggiate. Di questo dovrebbe occuparsi un sedicente anticipatore di sismi, per risultare credibile.
    Per inciso, il parere dei "due politici" coincide con quello dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia.
    Un saluto,
    Rik

    RispondiElimina
  3. ciao. rispondo anche io dicendo una cosa che ho scritto su un forum e relativa alla tua frase:"È utile invece sapere se le scosse che seguiranno saranno trascurabili assestamenti o potranno avere una intensità tale da provocare crolli di strutture già danneggiate."
    Dopo aver sentito le interviste alle signore fuori dalle sue case distrutte, dico:"da dicembre nella zona si sono riscontrate delle scosse e chi lo spiega alle persone che si sono sentite dire "state tranquilli, non succederà nulla!?!?"
    La signora a cui mi riferisco ha anche precisato che i paesi s'erano mossi e allertati da dicembre e che era stato ripetuto loro di stare tranquillissimi, anzi di stare di più nelle loro case. Io so che una cosa così non è affatto prevedibile,ma dico anche che non costa nulla dire a delle persone di tenere uno zaino e delle scarpe pronte per ogni evenienza!
    Per il resto, vediamo cosa succederà!

    RispondiElimina
  4. utente anonimo8 aprile 2009 05:02

    Ciau Chiaretta sono Valentina!
    Purtroppo l'argomento "terremoto" è da prendere con le pinze! sicuramente la colpa andrà a finire su qualcuno......
    Ogni scossa ke sia di lieve intensità mi terrorizza e spero ke questa storia finisca al più presto!
    un bacio

    RispondiElimina
  5. la penso come te Chiarè....

    RispondiElimina
  6. so che le colpe anfdranno a ricadere su qualcuno ed è bene che sia così, perchè dopo una sciagura le persone hanno bisogno di trovare un capro espiatorio, un qualcosa su cui scaricare tutto, mi sembra umano.
    La cosa però che mi fa strano è che: in America avrebbero investito sulle parole, anche sconnesse o "strane" di un tipo che va blaterando che c'è la possibilità di trovare un modo di prevedere (parolone, forse) i terremoti...invece qui in Italia la cosa si risolve in un mucchio di risate e di ghignetti, senza pensare che però Giuliani ha salvato la sua famiglia grazie al suo "metodo". Di sicuro non è tutto oro ciò che luccica, ma ci sarà anche del buono in parole di INNOVAZIONE, perchè bisogna ghignarci sù? Perchè non si pensa "ma fammi sentire 'sto pazzo che dice!"?!

    RispondiElimina